Ghiggeri scala la classifica

Si è svolta sul percorso del Golf Club I Girasoli di Carmagnola (TO) la sesta tappa dell’AID Golf Tour, che ha visto protagonista Mirko Ghiggeri, autore di una buona prestazione che gli ha consentito di vincere la classifica dedicata alla nostra categoria davanti ad Alessandro Ossola e a Gregorio Guglielminetti.

Grazie a questa vittoria e ai punti doppi accumulati all’Open di Parma, Ghiggeri balza sul terzo gradino del podio scavalcando Andrea Fusacchia, che di certo vorrà rifarsi nel corso della prossima tappa del Tour, in programma sabato 22 a Fiuggi.

Il campo è stato impegnativo, tecnico ma piacevole!“, ha dichiarato il vincitore.
Sono molto soddisfatto del mio gioco, era la prima gara con i ferri nuovi, che mi hanno dato molte soddisfazioni (come 4 Drive di fila da quasi 250 metri). Il gruppo è stato speciale, come sempre quando si gioca con amici, un sano agonismo mescolato a collaborazione reciproca!
Lo sponsor della gara è stato gentilissimo, una persona splendida e acuta, con un supporto logistico del circolo molto buono: hanno già detto che ci aspettano il prossimo anno, mettendoci magari uno per partenza integrati con i soci che si sono dimostrati molto accoglienti!
“.

Il ritorno di Petrianni, l’allungo di Cascino

Sabato 8 giugno è andata in scena la quinta tappa dell’AID Golf Tour 2019 sul campo dell’Argentario Golf Resort di Porto Ercole (GR). Il percorso – realizzato dall’architetto David Mezzacane e dal giocatore professionista Baldovino Dassù – caratterizzato da ampi fairway e green grandi e veloci, estremamente mosso e ricco di ostacoli d’acqua, ha visto prevalere il nostro presidente Alessandro Petrianni (alla sua prima affermazione stagionale) su Andrea Fusacchia grazie al miglior punteggio sulle seconde nove buche. Ai fini del Tour, invece, i due hanno conseguito lo stesso punteggio di 4,5 punti, dividendosi la somma delle prime due posizioni.

Sul terzo gradino del podio è salito Vittorio Cascino, che così allunga il suo vantaggio su Edoardo Biagi, assente per impegni connessi al suo ruolo in ambito federale. Prendono punti anche Giribaldi e Fancelli, che così fanno un piccolo passo avanti nella classifica del Tour, visibile qui.

Riflessi filmati della 5^ tappa all’Argentario Golf Resort.

Un grande Open

Si è svolta a Parma, dal 16 al 17 maggio, la 19^ edizione dell’Open d’Italia Disabili, manifestazione svolta sotto l’egida della EDGA, l’associazione europea dei golfisti disabili. Hanno preso parte alla gara una quarantina di atleti italiani e stranieri, che si sono cimentati sul bellissimo percorso del Golf del Ducato di Sala Baganza (PR). Oltre all’Open, si è disputato anche il Campionato Italiano Disabili e la gara era valevole anche per l’AID Golf Trophy, assegnando ai primi dieci classificati punteggi validi per la classifica.

Tommaso Perrino ha concluso primo nella categoria medal scratch con 148 (72 76) colpi precedendo la svedese Lia Rasmus e Pierfederico Rocchetti. Nella categoria pareggiata ha prevalso Riccardo Bianciardi (141) davanti a Vittorio Cascino e a Roberto Molina. Nella seconda categoria, dove si è giocato con formula stableford, grande rimonta di Edoardo Biagi (21 punti), Coordinatore del Settore Attività Paralimpica della FIG, che in un acceso finale ha avuto ragione di Jacopo Luce e di Antonio Mandich. Premi speciali di categoria a Mirko Ghiggeri (Sensory), al portoghese José Pedro Sotomayor (Wheelchair) e a Luisa Ceola (Prima Lady)

Nel Campionato Italiano ha aggiunto un altro anello alla sua lunga catena di successi Pierfederico Rocchetti (52 punti), che nella scratch ha preceduto Roberto Molina e Riccardo Bianciardi, mentre Vittorio Cascino (70) ha conquistato il successo nella pareggiata superando Giulia Marabotti e Mirko Ghiggeri.

Ha detto Perrino: “E’ stato emozionante vincere all’esordio in questa competizione ed è stato un piacere immenso condividere questa esperienza con i miei nuovi amici. Vorrei esortare tutti i golfisti con disabilità a partecipare alla prossima edizione senza timori o remore. Siamo una grande famiglia e il golf ci unisce ancora di più”.

“Ho visto grande entusiasmo – ha commentato il Presidente della Federgolf Franco Chimenti – e sono davvero felice di poter premiare degli atleti straordinari. Il golf si adatta perfettamente alle esigenze di persone che convivono con la disabilità. È molto importante che lo sport faccia sentire la propria vicinanza al mondo paralimpico, svolgendo un ruolo sociale, confermandosi strumento di educazione e straordinario catalizzatore di valori universali positivi”.

Dopo questo evento, Vittorio Cascino riconquista la testa dell’AID Golf Tour sopravanzando Edoardo Biagi di due punti e mezzo, mentre Riccardo Bianciardi – forte del doppio punteggio conseguito con la sua vittoria tra i nostri soci – si installa al terzo posto in classifica. La graduatoria completa è visibile qui.

Il bellissimo filmato di presentazione dell’Open realizzato dalla Federgolf

Fine settimana a tutto golf a Parma

Inizia la settimana che ci porterà all’Open Italiano Disabili, gara sotto egida dell’European Disabled Golfers Association (EDGA), e quindi con valenza europea oltre che nazionale. La gara è anche valida per l’AID Golf Tour 2019, e per la sua importanza assegnerà punti ai primi dieci soci classificati sul campo. Ecco gli appuntamenti per tutti coloro che vorranno vivere questo evento fino a domenica prossima.

CONFERENZA STAMPA. Giovedì 16 maggio alle ore 16:30, al termine della prima giornata di gara, presso la Sala Stampa della Residenza Municipale di Parma (Strada della Repubblica 1), nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022 si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’Open d’Italia Disabili – Sanofi Genzyme. La conferenza vedrà gli interventi di Marco Bosi, Vicesindaco di Parma; Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022; Marcello Cattani, Direttore della Divisione Oncologia Sanofi Genzyme; Oriella Magnani, Presidente della Sezione Provinciale AISM di Parma; Edoardo Biagi, Coordinatore del Settore Attività Paralimpica della FIG.

PREMIAZIONE OPEN D’ITALIA DISABILI – SANOFI GENZYME. Al Golf Del Ducato di Sala Baganza (PR) venerdì 17 maggio si disputerà il secondo giro che decreterà il vincitore dell’Open d’Italia Disabili – Sanofi Genzyme. Al termine del torneo (ore 16:00 circa) si terrà la cerimonia di premiazione alla presenza di Franco Chimenti, Vicepresidente vicario del Coni e Presidente della Federazione Italiana Golf.

RYDER CUP TROPHY TOUR – PARMA. Sabato 18 maggio il trofeo della Ryder Cup – la prestigiosa sfida di golf fra il Team Usa e il Team Europe in programma fra tre anni a Roma presso il Marco Simone Golf & Country Club – sarà protagonista di un tour nei luoghi storici di Parma. Si partirà da Piazza Garibaldi dove alle 9:45 ci sarà una foto simbolica con il Vicesindaco Marco Bosi, il Vicepresidente vicario del CONI e Presidente della FIG, Franco Chimenti e il Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, Gian Paolo Montali.

GOLF IN PIAZZA – PARMA. Domenica 19 maggio dalle ore 10 alle ore 18 tutti i cittadini potranno provare gratuitamente il golf nelle postazioni di gioco presenti a Piazza Garibaldi. Una giornata di sport nella splendida cornice di Parma da vivere in famiglia all’aria aperta per scoprire insieme la magia del golf.

Un caloroso in bocca al lupo a tutti i nostri soci, certi che si faranno valere in questo importantissimo appuntamento.

Biagi pigliatutto

Si è svolta nella giornata di sabato 27 aprile la terza tappa dell’AID Golf Tour 2019, sul bellissimo percorso del Miglianico Golf & Country Club in provincia di Pescara.

Il campo, dove si era svolta una decina di giorni prima una tappa dell’ALPS Tour che aveva visto la vittoria di Sebastian Garcia Rodriguez davanti all’azzurro Edoardo Lipparelli, era tirato alla perfezione grazie sia alla leggera pioggia caduta nella giornata di venerdì che alla splendida giornata di sole che ha fatto da cornice alla nostra competizione.

La gara ha visto la vittoria di Edoardo Biagi, che si è aggiudicato il primo posto AID Golf e la vittoria assoluta nella sua categoria. In più, con i cinque punti guadagnati balza nuovamente in testa alla classifica del Tour, scavalcando di un punto Vittorio Cascino che era impegnato in Francia in una gara Open EDGA. Hanno completato il podio AID Golf Andrea Fusacchia – al suo debutto nel nostro Tour – e il presidente Alessandro Petrianni. La classifica generale del Tour è visibile qui.

Il Tour non si ferma, e la prossima settimana sarà di nuovo tempo di gareggiare sul links di Terre dei Consoli.

Alcuni riflessi filmati della gara di Miglianico

Il “Vittorioso”


Si è svolta sabato 13 aprile la seconda tappa dell’AID Golf Tour 2019 al Cosmopolitan GCC di Tirrenia (PI).

La competizione, che ha visto la partecipazione di una decina di nostri soci, è stata caratterizzata dalla prima vittoria del nostro affiliato più giovane, Vittorio Cascino, il quale – per nulla intimidito dal fatto di dover competere con avversari più grandi e presumibilmente più esperti di lui – ha sfoderato una notevole prestazione sul non facile percorso toscano, totalizzando 38 punti stableford e distaccando di ben sette lunghezze i due secondi classificati ex-aequo Nicola Giribaldi e Silvano Favaro. Prestazione in sordina invece per il presidente Alessandro Petrianni, reduce da un delicato intervento e quindi non ancora al meglio della forma fisica.

Con questa vittoria, e forte del secondo posto ottenuto nella prima tappa ad Archi di Claudio, Vittorio Cascino dà il primo strappo alla classifica generale, distanziando Edoardo Biagi, il quale non ha potuto partecipare alla gara per impegni sopraggiunti improvvisamente 48 ore prima della competizione.

Sarà interessante vedere lo sviluppo della situazione nella prossima tappa del Tour, che si disputerà tra due settimane nello stupendo scenario di Miglianico.

Alcuni riflessi filmati della manifestazione.

Si riparte, alla grande!

Nel fine settimana si è aperta la stagione dell’AID Golf Tour.

Come da tradizione la gara si è svolta sulle 9 buche del Circolo Archi di Claudio, sede della nostra associazione, spalmata sulle due giornate di sabato e domenica, a causa del grande numero di amici iscritti: sono stati infatti oltre centoventi i golfisti abili e disabili che hanno partecipato alla manifestazione.

Una menzione a parte merita l’iniziativa – che ha riscosso un grande successo – legata all’uso del paragolfer che la Federgolf ha affidato alla nostra associazione per promuovere la partecipazione al golf paralimpico: sono stati infatti molti i disabili motori che hanno voluto provare ad avvicinarsi al golf utilizzando l’ausilio meccanico offerto da questa particolare motocarrozzetta studiata appositamente per questo sport. Tra i graditi ospiti anche la squadra di atleti disabili del Basket Santa Lucia di Roma, alcuni dei quali si sono fatti immortalare nella foto di apertura con il nostro presidente Alessandro Petrianni.

Per quanto riguarda l’aspetto strettamente sportivo, la competizione ha visto la vittoria di Edoardo Biagi di stretta misura su Vittorio Cascino, il nostro nuovo giovanissimo socio proveniente dal Circolo Val di Chiana, che siamo sicuri darà a tutti del filo da torcere nel corso del Tour.

Per i risultati completi rimandiamo tutti alla nuova sezione Tour del nostro sito, dove troverete anche regolamento e calendario di questa stagione sportiva appena iniziata.

I riflessi filmati delle due giornate al circolo Archi di Claudio

Donati sul Delta

Si è svolta lo scorso fine settimana ad Argenta (FE) il Trofeo Nazionale del Delta 2019, una gara singola su due giri che ha visto tra i suoi protagonisti anche la nostra socia Alessandra Donati, al suo debutto nelle gare nazionali di questa stagione.

Queste gare sono riservate agli agonisti dilettanti (normodotati), ma grazie alla Federazione Italiana Golf anche i tesserati paralimpici hanno l’opportunità di partecipare a queste competizioni, a dimostrazione di come lo sport – ed in particolare il golf – siano un grande incentivo e motore per l’integrazione.

Il campo di Argenta (FE) è molto particolare, un link nel Parco del Delta del Po, un percorso lungo e con molta acqua.

Il percorso si sviluppa seguendo l’andamento del territorio e gli argini dei fiumi. Ostacoli d’acqua, basse dune con cespugli, boschetti di essenze autoctone e tee sopraelevati sono la caratteristica di questo tracciato tecnico e vario, caratterizzato da green piccoli e ben difesi, con pendenze a volte non facili da leggere. Un par 72 diviso in 6 par 4, 6 par 5 e 6 par 3 per una lunghezza totale di 6300 metri.

Disegnato nel 1991 da Giovanni Trasforini, con un impianto arboreo ormai consolidato e rigoglioso, Il Golf Argenta ospita campionati regionali e nazionali, e importanti tornei giovanili e per professionisti.

Dopo la gara, Alessandra ci ha confidato le sue sensazioni:

L’esperienza è stata entusiasmante, lo staff del Circolo Golf di Argenta mi ha accolto con un grande calore, ho incontrato care amiche ed ho stretto nuove amicizie con le quali spero di collaborare in futuro. Lo sport è vita e la differenza è sempre un arricchimento!“.

Ad maiora Ale!

Le foto dell’articolo sono di Gustavo Kuzel

Il progetto PARAGOLFER

Il nostro presidente, Alessandro Petrianni, ci parla del progetto PARAGOLFER. Di cosa si tratta?

“Riteniamo che l’attività intrapresa dalla nostra Associazione possa essere complementare ai percorsi riabilitativi e neuro-riabilitativi posti in essere da specialisti del settore ed alla pratica sportiva.
Il golf, che viene praticato con passeggiate nel verde a piedi, con il cart e, per i disabili costretti sulla sedia a rotelle, con lo speciale ausilio denominato paragolfer (si tratta di una speciale sedia motorizzata che consente al giocatore disabile di spostarsi in campo e, una volta sulla palla, in grado di metterlo in piedi consentendogli di lanciarla con la mazza da golf), rappresenta un valido esercizio per favorire la coordinazione e la concentrazione. Poiché la sua pratica incide notevolmente sull’equilibrio, migliorando le capacità propriocettive del corpo e perfezionando la resistenza e la funzionalità muscolare, rappresenta un valore aggiunto nell’ambito dei percorsi riabilitativi.
I benefici riscontrati, anche dal punto di vista psicologico, sono notevoli.
Non è semplice, infatti, per noi disabili praticare attività sportiva: le barriere architettoniche, culturali ed i pregiudizi che pervadono noi in primis, ci rendono vittime di ostacoli psicologici che spesso impediscono anche solo l’idea di considerare di dedicarci ad uno sport.
La competizione tra due diverse categorie, una delle quali oggettivamente svantaggiata dal punto di vista della mobilità, della presa o della velocità, nel contesto del golf non rappresenta tuttavia un limite, come in altri sport, ma piuttosto uno stimolo.
Il concetto di handicap assegnato ad ogni atleta golfista infatti, prescinde dalla disabilità; è connesso esclusivamente alla capacità nel gioco e rappresenta il meccanismo caratterizzante che consente a tutti i giocatori di ogni livello/categoria di gareggiare tra loro alla pari, siano essi normodotati o disabili. Non di rado infatti nelle classifiche primeggino atleti disabili sul resto dei giocatori, il che rende questo sport un valido ed efficace strumento di integrazione e reinserimento sociale, contribuendo in maniera significativa al miglioramento dell’autostima personale.
È per tutte queste motivazioni che nel 2017 un gruppo di golfisti disabili provenienti da tutta Italia, forti del fatto che tale sport li abbia stimolati ed aiutati al raggiungimento della giusta autostima e dell’integrazione sociale, hanno costituto l’Associazione Italiana Disabili Golfisti a.s.d., che nel corso della sua attività ha ricevuto il patrocinio dell’INAIL e della Federazione Italiana Golf.
Al fine di realizzare lo scopo associativo, tra le varie iniziative, nell’anno 2018 si è svolto un circuito nazionale che verrà rinnovato nel 2019 e che coinvolgerà circa 15 circoli in altrettante località italiane. In occasione di ogni evento verranno invitate associazioni nazionali operanti sul territorio ed attive nel campo della disabilità, con lo scopo di svolgere attività dimostrativa volta ad avvicinare a questo sport le persone diversamente abili.
Tra le varie iniziative in programma segnaliamo il primo evento sportivo del 2019 che verrà realizzato presso la nostra sede (via Gamiana 45, Roma c/o Archi di Claudio Golf Club) nei giorni 23 e 24 marzo, occasione nella quale verrà data la possibilità di provare gratuitamente il paragolfer, per tutti coloro che vorranno provare questa nuova esperienza coordinati da maestri federali messi a disposizione dalla nostra associazione”.

Chiunque fosse interessato all’evento del 23 e 24 marzo può contattare il nostro presidente tramite la mail info@aidgolf.org.

Al via il 2° AID Golf Tour

È stato rilasciato il calendario ufficiale del 2019 per il Tour AID Golf: 14 appuntamenti a cui si aggiungerà anche l’Open Nazionale Disabili che da quest’anno farà parte integrante delle gare che daranno punteggio ai fini della classifica finale.

Si partirà come sempre dal nostro circolo di riferimento, Archi di Claudio, il 23 marzo. Si proseguirà poi in questo Tour che toccherà alcuni tra i più belli e suggestivi percorsi del golf nazionale fino alla finale di Sutri del 12 ottobre e alla festa di chiusura ad Archi di Claudio che vedrà anche le premiazioni dei vincitori del Tour.

Di seguito, il calendario completo del campionato.